Mamme Coraggio

IL MITO DELLA NEUTRALITA’

Posted on: 4 marzo 2010

di Lundy Bancroft

“Non è possibile emettere un giudizio completamente neutro quando si tratta di un uomo violento e una donna vittima. Come spiega la Dott.ssa Judith Herman molto eloquentemente nel suo capolavoro “Trauma e Ricovero” la “neutralità” in effetti avanza gli interessi dell’aggressore molto più degli interessi della vittima e non può dunque essere considerata una cosa neutra. Visto che l’aggressore preferisce avervi completamente dalla sua parte, si accontenterà prefettamente della vostra decisione di prendere una via di mezzo. Per lui, questo significa che considerate il problema di coppia in parte colpa della donna, e parte colpa sua, dunque non si tratta più di violenza.

In realità, rimanere “neutri” significa colludere con l’agressore, intenzionalmente oppure no. Se siete coscienti di un maltrattamento cronico oppure severo e non agite, il vostro silenzio comunica che non vedete nulla di inaccettabile. Gli aggressori interpretano il silenzio come un’approvazione, o comunque un perdono. Per la donna vittima intanto, il silenzio implica che nessuno la vuole aiutare – esattamente ciò che desidera l’agressore. Chiunque decide di chiudere un occhio diventa dunque l’alleato dell’aggressore… E se vedete o sentite violenza o minacce, significa che dovete chiamare la polizia”

Lundy Bancroft, dal libro: “Ma perché lo fa? (Nelle menti degli uomini arrabbiati e controllanti).”

Annunci
marzo: 2010
L M M G V S D
    Apr »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: