Mamme Coraggio

SAKINEH E’ DI NUOVO IN SERIO PERICOLO

Posted on: 28 settembre 2010

Quando, pochi giorni fa, di prima mattina, leggendo i giornali al solito bar, ho appreso che negli USA era stata uccisa, con una condanna a morte, Teresa Lewis, rea di aver assassinato il marito, il mio pensiero è andato immediatamente a Sakineh. Ho pensato:

-Oddio, allora Sakineh è di nuovo in pericolo! –

Di Sakineh, l’iraniana, tutti conosciamo il dolce volto, che ha percorso il filo di fsb e le campagne in suo favore sui manifesti delle città.

Sakineh, accusata di adulterio e poi di concorso in omicidio del marito (ma l’ultimo capo di imputazione pare inventato per giustificare agli occhi dell’occidente la sua condanna a morte), sarebbe dovuta morire per lapidazione.

Sakineh era destinata ad essere sotterrata fino al petto ed incappucciata. Uomini scelti le avrebbero sfilato davanti per colpirla a morte. Avrebbero usato pietre ben levigate per l’occasione, né troppo piccole, né troppo grandi, per procurare la morte né troppo presto, né troppo tardi.

Questi uomini scelti, avrebbero portato a termine con onore il proprio compito, avrebbero lavato l’onta dell’adulterio.

Avrebbero…perchè la campagna di informazione, la giusta condanna di tale atto da parte dell’Europa occidentale tutta, ha fermato la mano iraniana.

La condanna a morte infatti è stata sospesa, con grande sollievo di tutti.

Sollievo che diviene dolore se si pensa che la povera donna, bella come un angelo, rimane in prigione e sicuramente sarà proprio mal ridotta, un’ombra della sua antica grazia.

E quel timore per la vita di Sakineh che ho avuto poche mattine fa, è divenuto orribile realtà.

Il Procuratore Generale iraniano, ha informato l’opinione pubblica che Sakineh non verrà più lapidata, ma morirà per impiccaggione.

Capirai che bel cambiamento! Di male in peggio…una bella corda al collo…una morte terribile alquanto…

E stavolta, avvisano dall’Iran, gli organi giudiziari non saranno influenzati dalla campagna occidentale.

Il figlio stesso, che cerca disperatamente aiuto per salvare Sakineh, informa la stampa che tra due settimane la condanna verrà messa in atto.

Ora l’Occidente ha le mani legate. L’Iran, dopo aver visto che negli USA avvengono le pene di morte, senza che l’Europa infierisca più di tanto, rivendicano i loro diritti alla pena di morte.

Pena di morte alle donne. Pena di morte a Sakineh.

Credo che stavolta le donne occidentali possano fare poco, anche se spero faranno tutto.

Se non si muovono le donne iraniane, tutte insieme, credo che per sakimeh non ci sia speranza.

E con Sakineh moriamo un poco anche noi donne occidentali.

E con Sakineh di sicuro muore anche un poco di me.

FLO

Annunci

6 Risposte to "SAKINEH E’ DI NUOVO IN SERIO PERICOLO"

sono dei barbari incivili

sono degli assassini e spero che Dio li punisca come meritano

Dio dice di amare il prossimo tuo come te stesso e sara’ solo lui a giudicare chi non ha peccato scagli la prima pietra

Se non si muovono le donne iraniane, tutte insieme, credo che per Sakineh non ci sia speranza, si lo credo anch’io……e non c’è speranza nemmeno per le altre donne iraniane e non ……..capisco che è difficile muoversi laddove la contropartita è la morte….quando sei proprietà dell’uomo e non conti niente è difficile farsi sentire……e tuttavia lasciano perplessi le affermazioni di quelle poche donne che si fanno sentire e dicono con convinzione che portare il velo, il burka, è una tradizione, è religione………nessuno le costringe………….

Concordo con Mamma Flo..Moriamo un po’ anche noi..Ma soprattutto è la nostra dignità di donne ad essere infranta.
Il nostro diritto di essere nate libere di scegliere.
Dio ha chiesto a Maria di scegliere se essere la madre di Gesù..
Chi sono gli uomini per impedircelo?

La pena di morte…se ne parla, se ne riparla…ci indigniamo…i Diritti dell’Uomo, Amnesty International, i movimenti per la difesa della Vita, gli appelli…ma nessuna argomentazione o lotta che valga abbastanza.
Hai ragione, Flo, in questo momento dovrebbero unirsi le donne iraniane e gridare il loro “no” , forte, corale, coraggioso, inamovibile! Noi – società occidentale – non siamo nemmeno credibili, dal momento che l’esecuzione della giovane donna americana non ci ha procurato la stessa risposta della notizia di quella di Sakineh. Anche le morti vengono trattate con due pesi…eppure esecuzione è l’una ed esecuzione è l’altra. Tralasciamo le modalità più o meno barbare e crudeli, sempre assassinio è…
Ma di cosa ci meravigliamo, poi, se vediamo punire dei reati, veri o presunti che siano, con il peggiore dei misfatti?
Non ci rendiamo conto di quanto sangue si versa nelle cosiddette “missioni di pace”? certo, io uccido, è vero, ma “uccido per la pace….”
grazie, Flo, per la riflessione condivisa.

grazie… hai ben espresso ciò che intendevo…..flo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: