Mamme Coraggio

LE FALSE DENUNCE DELLE DONNE….sono purtroppo vere

Posted on: 5 novembre 2010

Mi capita sempre più spesso di leggere su quotidiani e settimanali alcuni articoli che fanno riferimento alle denunce di violenza da parte delle donne nei confronti de loro ex, insinuando che sono false accuse.

Anche molti blog e social network riprendono la stessa tematica, insistendo sulla falsità delle accuse verso gli uomini e portando a supporto di tale tesi, alcuni dati ufficiali.

Vengono in particolare presi in considerazione quelli della Procura di Bergamo, diramati nella dichiarazione del PM Carmen Pugliese, autorizzata dal Procuratore Generale Galizi, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2009 e le affermazioni del PM Barbara Bresci di S. Remo.

I blog ci tengono a sottolineare che le dichiarazioni giungono da voci femminili e questo le rende ancora più veritiere.

Iniziamo ad analizzare in primis quanto ha affermato il PM Carmen Pugliese.

Intanto bisogna sottolineare che in molti blog  si riporta che la PM ha asserito che l’80% delle denunce di violenze ed abusi da parte delle donne, risultano essere false.

Certo, questa affermazione, così come viene letta sembra essere chiara e non sembrano esserci ombre.

Coloro che ritengono che le accuse delle donne siano false, in tale dichiarazione, proveniente da persona autorevole e qualificata, trovano  un appoggio e un sostegno alle loro certezze.

Ora, ad un primo sguardo abbiamo un dato ben preciso, ma se andiamo alla fonte della notizia e leggiamo quanto la PM dice, ci troviamo di fronte uno scenario ben più complesso.

E la fonte è il  giornale “L’Eco di Bergamo”, del 31 gennaio 2009.

Se leggiamo con attenzione l’articolo  del giornale sopra menzionato, non ci ritroviamo con le affermazioni perentorie che vengono pubblicizzate in certi blog.

La Pm Pugliese infatti,  afferma che, analizzando i dati a disposizione della sua Procura, le denunce di violenza sono aumentate in maniera esponenziale negli ultimi anni, fino ad arrivare a 382 casi solo nell’anno 2008.

Circa un caso al giorno.

“I maltrattamenti in famiglia stanno diventando un’arma di ritorsione per i contenziosi civili durante le separazioni” afferma la PM., ma più avanti prosegue dicendo che, se è vero che si riscontra una sempre più diffusa propensione da parte di padri e mariti ad alzare le mani, è altrettanto appurato che molte volte delle versioni fornite dalle vittime (quasi sempre donne), sono gonfiate ad arte.

Sentite quanto afferma la PM e poi cerchiamo di riprendere le fila del discorso:

“Solo in 2 casi su 10, si tratta di maltrattamenti veri, il resto sono querele enfatizzate ed usate come ricatto nei confronti dei mariti durante la separazione. -Se non mi concedi tot benefici, io ti denuncio- è la minaccia che fanno alcune mogli. Tanto che una volta ottenuto quello che volevano, tornano in Procura a chiedere di ritirare la denuncia. Non sanno che nel frattempo noi abbiamo speso tante energie per indagare. L’impressione è che molte mogli tendano a usare pm e polizia giudiziaria come strumento per perseguire i propri interessi economici in fase di separazione”.

Più avanti nell’articolo si legge:

“….Molte volte siamo noi stessi a chiedere l’archiviazione, In altri casi, invece, si arriva a un processo dove la presunta vittima ridimensiona il proprio racconto. E’ successo anche che qualche ex moglie sia finita indagata per calunnia”.

Ma la Pm rivolge anche un’accusa specifica alle associazioni di tutela della donna:

“..non fanno l’operazione di filtro che dovrebbero fare; incitano le assistite a denunciare, ma poi si disinteressano del percorso giudiziario, di verificare come finirà la vicenda. Mi sembra una difesa indiscriminata della tutela della donna che viene a denunciare i maltrattamenti, senza mettere in conto che questa donna potrebbe sempre cambiare versione”.

Ci sono dei passaggi nel discorso della PM che fanno riferimento ai casi delle violenze che si verificano in maniera pesante:

“…da noi arrivano donne col volto tumefatto e in alcuni casi  contro i mariti emettiamo misure cautelari”.

Andiamo ora ad analizzare  un altro articolo, del Secolo XIX, che non fornisce dati statistici, ma di fronte a precise domande del giornalista che chiede se talvolta le vittime non sono tali, trova nell’intervistata, il PM Barbara Bresci, la seguente risposta:

…Sempre più spesso si ricorre alla querela del coniuge o del convivente per risolvere a loro favore i contenziosi civili per l’affidamento dei figli o per l’assegno di mantenimento. Non sono rari i casi che, a controversia sanata, le querele vengano rimesse, con buona pace per le risorse professionali ed economiche investite dagli inquirenti allo scopo di istruire i fascicoli e raccogliere gli elementi probatori a carico degli indagati”.

In un passaggio ulterioe nell’articolo, la PM sostiene:

“…c’era un grande bisogno di norme a tutela delle donne. Significa però che occorre modificare la legge sullo stalking e integrarla, fornendo alle procure strumenti interpretativi più univoci ed efficaci. Aggiungerei anche un altro suggerimento. Quello di introdurre la procedibilità d’ufficio. In questo modo si creerebbero le condizioni per favorire una pre-selezione delle denunce. Insomma una sorta di deterrente contro chi intende strumentalizzare lo stalking. Inoltre si eviterebbe che sia durante la fase istruttoria, che addirittura al dibattimento, le vittime,  su pressione dell’imputato, rimettano la querela”.

A questo punto il giornalista chiede alla PM se capiti spesso che le querele vengano rimesse e la risposta è la seguente:

“Purtroppo si. Anche in casi molto gravi, che in precedenza avevano portato  all’emissione di una misura cautelare. Per ovvi motivi di riservatezza non posso entrare nel merito dei singoli episodi, ma ancora di recente mi è stato comunicato dal  difensore e dalla parte civile che una coppia ha espresso la volontà di tornare insieme dopo che, durante l’indagine, avevamo accertato episodi gravissimi a carico dell’uomo……non si può quindi far altro che prendere atto della volontà manifestata dai due soggetti e archiviare il procedimento”.

Alla luce degli articoli sopra menzionati e delle affermazioni delle due PM, possiamo cominciare ad operare alcune considerazioni.

Innanzitutto in nessuna parte degli articoli si fa riferimento alle false accuse.

Non si trova infatti scritto da  che le donne che abbiano denunciato i loro ex coniugi, si siano servite di accuse non veritiere.

Anzi. Dalle dichiarazioni di Carmen Pugliese è molto chiaro che la sua Procura ha notato una notevole crescita del fenomeno dei maltrattamenti familiari e delle violenze.

Queste infatti non vengono messe in dubbio.

Uomini e padri alzano le mani sulle donne, usano ogni tipo di violenza.

Le donne arrivano in procura con i volti che portano i segni delle percosse.

Purtroppo questa è una verità amara che non va nascosta.

Piuttosto, la PM Pugliese afferma che le denunce di maltrattament , nella maggior parte dei casi poi si sgonfiano, perdono di consistenza, le versioni sui maltrattamenti vengono minimizzate dalle vittime stesse, al punto che poche volte poi si giunge ad una effettiva condanna del reo.

A questo punto Carmen Pugliese cerca di dare spiegazione a tale fenomeno ed afferma che quando una donna denuncia di aver subito violenze, se ne serve poi in fase di separazione per ottenere alcuni benefici. Una volta  sicura di poterli ottenere, la donna ritira la denuncia nei confronti dell’ex coniuge o modifica la versione originaria, sminuendo i fatti di cui è stata vittima.

In pratica, la donna,nonostante le accuse fossero vere,  per quieto vivere, per uscire al più presto dalle pastoie di pesanti processi, per il desiderio di ricominciare a vivere e chiudersi il passato alle spalle, per la serenità dei figli, spesso preferisce mettersi d’accordo col violentatore e, ottenuto di non ricevere ulteriori molestie, o ottenuti i benefici richiesti, preferisce ritirare le denunce.

Ciò è possibile, ciò è molto probabile che accada.

Ma ciò non toglie il fatto che le violenze ci siano state e si sia deciso di oscurare la verità per le motivazioni sopra riportate.

Ma alla base della ritrattazione delle denunce per violenza o dello sgonfiamento delle stesse in fase processuale, potrebbe esserci un’altra ragione altrettanto valida che viene posta in evidenza da Barbara Bresci, quando afferma  che è possibile che le vittime, rimettano la querela su pressione dell’imputato.

Anche questo  non solo è possibile, ma lo ritengo probabilissimo.

A tal riguardo è interessante anche la critica che Carmen Pugliese rivolge alle associazioni anti-violenza donne, che dopo aver ascoltato la vittima, la incitano a denunciare, ma poi non la seguono nel percorso processuale che ne consegue.

Una donna che denuncia violenze opera un passo importantissimo, ma è anche fragile a livello psicologico e forse non è in grado di sostenere interrogatori ed un processo con tutte le sue dinamiche.

Infatti una donna violata deve imparare a riprendere il colloquio con se stessa, la fiducia, il rispetto di sé come persona, deve riscoprire la capacità di volersi bene, di amare ed essere amata.

Deve imparare a ricostruirsi, a guardare la sua storia con occhi diversi e ad approcciarsi al mondo esterno  con un nuovo sistema di significati.

Deve imparare di nuovo a scoprire cosa siano la fiducia e la speranza.

Deve anche imparare a difendersi.

Una donna violata ha quindi bisogno di supporto psicologico, altrimenti non è in grado di sostenere il lungo iter processuale ed  a volte, non riesce di ricostruire di fronte al giudice il suo vissuto di violenza. Perche troppo fragile.

Una donna vittima quindi, se non aiutata in maniera corretta ed adeguata, rischia di essere di nuovo preda delle pressioni dell’uomo da cui non si del tutto liberata, di cui si sente ancora succube.

Capita quindi che dopo una denuncia, per tutte le motivazioni sopra espresse,la donna violata ritratti tutto.

Per  paura, anzi per terrore.

E così tutto il lavoro svolto dalla procura, come sostengono le due PM, viene invalidato e non conduce alla verità processuale.

Questo è chiaramente svilente per tutti coloro che hanno lavorato alacremente.

Ed è una sconfitta per la donna stessa.

Quindi, le dichiarazioni di Pugliese e Bresci, a mio parere non possono essere prese come testimonianze della veridicità delle false accuse.

Fare questo mi sembra scorretto falso e tendenzioso. E purtroppo ciò accade per molti blog.

Tali dichiarazioni invece, sono la dimostrazione che la violenza familiare, purtroppo, sta dilagando sempre più, con risvolti inquietanti, che nessuno riesce a districare.

La verità viene raramente a galla e le violenze tornano ad essere nascoste.

Le denunce vengono ritirate per le più svariate ragioni, anche per il timore del violentatore e per le sue pressioni e tutto il lavoro delle procure finisce come carta straccia nel marasma dei fatti senza finale.

Quindi purtroppo la violenza esiste e le denunce sono vere.

Tutto questo deve farci riflettere…non dobbiamo averne paura…

Perchè solo se ci si confronta con la realtà, ci può essere la possibilità di modificarla.

FLO

Annunci

28 Risposte to "LE FALSE DENUNCE DELLE DONNE….sono purtroppo vere"

Trovo decisamente interessante l’idea di introdurre la possibilità per il tribunale di di procedere d’ufficio in caso di sospetta violenza e/o stalking. Sarebbe un grosso passo avanti.
E sono pienamente d’accordo sul fatto che le donne – e sono troppe – che si trovano in condizioni di debolezza e difficoltà – non possono essere lasciate sole, ma devono essere seguite passo passo a livello psicologico e legale. E’ facilissimo farsi prendere dalla paura, non solo per noi, ma soprattutto per i nostri figli, e mollare il colpo…

Non si trova infatti scritto da nessuna parte che le donne che abbiano denunciato i loro ex coniugi, si siano servite di accuse non veritiere. (cit.)

La Pugliese dice chiaramente che l’80% delle accuse in fase di separazione sono false. questo è quello che dice lei. Il resto è arrampicarsi sugli specchi

l’italiano non è un optional, non si estrapola una frase e non si parla di false accuse. E ora di crescita delle violenze.

per non saper ne leggere ne scrivere mi sembra molto chiaro il concetto espresso dalla PM. E negare che sia frequente un’uso strumentale delle false denuncie non porta che danno alle donne stesse, quelle realmente abusate e picchiate o violentate, perche con queste accuse si toglie tempo, danaro ed energia alle indagini ed al perseguimento dei veri abusanti.

ho cercato di ragionare sui due articoli…ho cercato di spiegare che la lettura dei dati è molto più complessa di quanto appaia e non è accettabile la semplicistica spiegazione delle false accuse, perchè in realtà non si parla di false accuse. E i dati di violenze che emergono su tutto il territorio sono impressionanti.Grazie…flo

La tesi dell’articolo sarebbe che le false denunce sono in realtà vere perché le donne ritrattano la verità essendo succubi del marito. Probabilmente non sapete che la polizia e la procura si attendono sempre questo tipo di mossa, e non archiviano semplicemente una denuncia bollandola come falsa solo perché c’è stata una ritrattazione, ma procedono a prescindere ascoltando testi, raccogliendo prove e così via. Prima di stabilire che una denuncia è falsa c’è sempre un lungo lavoro di indagine dietro. Orbene, in 8 casi su 10 le autorità hanno ACCERTATO che quelle denunce sono false, cioè la violenza è stata inventata di sana pianta dalla donna per inguaiare il marito in sede di separazione. O forse voi rispettate la decisione dei magistrati solo quando c’è la condanna di uno stupratore ma non vi sta bene quando c’è una archiviazione? E ora di dire basta l negazionismo delle false accuse

ripeto, le denunce non sono assolutamente false, gli articoli dicono una cosa molto diversa. Inoltre io ho analizzato le due affermazioni di PM che possono dare adito ad interpretazioni erronee e che vengono pubblicizzate come la prova che le donne mentono. Non ho invece assolutamente toccato quello che dicono le altre procure, che invece tendono a sottolineare l’alto tasso di violenze familiari, anche per esempio la procura di roma e le statistiche diramate dal comune di roma….inoltre il lavoro delle procure è molto particolarre, a volte in molte procure non si riesce neanche a fare le indagini…a tal riguardo scriverò un articolo, citando un importante procuratore romano che sottolinea la problematica.
La violenza esiste. lo dimostrano le relazioni dei tanti centri anti violenza e soprattutto i volti tumefatti delle donne che arrivano in ospedale ed hanno il terrore di denunciare. La violenza esiste. E molto più semplice dare una giustificazione di falsità…E tutti questi giovani violenti, la violenza la vivono in famiglia ed è l’unico linguaggio che conoscono…grazie …flo

Cara signora io sono uno tra quelli che all’epoca della separazione giudiziale (chiedevo la separazione consensuale e l’affido condiviso alla ex……) è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia e violazione degli obblighi famigliari. sottoposto a procedimento penale con relativo esborso di 6000 euri,dramma personale,disagi vari,ecc.venivo assolto su proposta del pm con sentenza passata in giudicato nel novembre 2007.lasci che le spieghi il vostro giochetto:si ammazza economicamente il maschietto di turno con cause su cause civili e penali tanto si sa benissimo come funziona…… saluti e lasci fuori i figli da questo……

Solo in 2 casi su 10, si tratta di maltrattamenti veri, il resto sono querele enfatizzate ed usate come ricatto nei confronti dei mariti durante la separazione. Questo è quello che dice la Pugliese.

Piuttosto, la PM Pugliese afferma che le denunce di maltrattament , nella maggior parte dei casi poi si sgonfiano, perdono di consistenza, le versioni sui maltrattamenti vengono minimizzate dalle vittime stesse, al punto che poche volte poi si giunge ad una effettiva condanna del reo. Questo è quello che dite voi, che è palesemente diverso da quello che dice la Pugliese.

Quelle sono denunce che vanno a processo e che non conducono alla condanna per mancanza di indizi (il che potrebbe voler dire che il marito è colpevole ma anche che la donna è mentitrice, non si sa), mentre la Pugliese si riferisce a denunce che sono state archiviate (non andate a processo) perché le indagini le hanno rivelate come false, cioè il fatto che fossero false era talmente evidente da non ritenerle neanche “degne” di essere sottoposte a processo. Le procure non archiviano se ci sono dubbi dietro; se archiviano, significa che non ci sono dubbi, la denuncia è falsa. Se la Pugliese dice che “solo in 2 casi su 10, si tratta di maltrattamenti veri” significa che nei restanti 8 casi su 10 sono false. Mi pare talmente evidente che ritengo semplicemente stupido starci a discutere sopra. E siccome ho perso tempo inutilmente, mi permetto di aggiungere un ulteriore dato fornito dalla Purdue University, che afferma che il 41% degli stupri (quasi la metà) sono inventati

anche io ritengo stupido perderci tempo, ma ribadisco che non parla di falsità, assolutamente…riguardo alla Purdue University, che si trova nell’Indiana e che non credo abbia fatto statistiche nella realtà italiana….fra poco si dirà che le donne si sono stuprate da sole….finiamola qui….flo

purtroppo flo dobbiamo ammettere che ci sono donne che usano questo sistema,a discapito di altre che subiscono veri maltrattamenti.concordo nel fatto che tante donne ritrattano anche se con paura le accuse,però dobbiamo chiederci perchè.secondo me quando una donna denuncia,dopo il clamore iniziale viene lasciata sola,con il terrore di finire come tante di cui sentiamo parlare al tg.bisognerebbe seguire queste vittime,con supporti psicologici e materiali, aiutarle nella ricostruzione di una vita sicura,specie se ci sono coinvolti dei minori

purtroppo c’è la convinzione che le donne accusino falsamente i partner., per strategia difensiva……questo porta a non credere e a guardare con sospetto le accuse di violenze e le donne si trovano di fronte un muro di scetticismi…anche perché, molto spesso le violenze avvengono nel chiuso delle case e gli unici testimoni sono loro ed eventualmente i figli……è dura….flo

Scusate: e tutte le false accuse degli uomini contro le donne? Ne sono pieni i tribunali ma non ne parla nessuno? Fino a poco tempo fa quella maggiormente in auge era che la madre era una poco di buono o in alternativa una pazza. Ora si fila via lisci come l’olio con le accuse di PAS…Nel mio caso il mio ex ha cercato di insinuare tutte e tre le cose, ma gli è andata male.
Sono stufa di sentire parlare degli uomini come povere vittime. In realtà, essendo per DNA molto più portati alla guerra loro (che le fanno da sempre) sono più attrezzati di noi per combattere. Infatti, lo stanno facendo in maniera organizzata, facendo approvare leggi a loro uso e consumo.

false accuse degli uomini contro le donne!? e dove si è mai sentito? a cosa ti riferisci? alla PAS? guarda che è difficilissimo diagnosticare la PAS, sono pochissimi i casi in cui è stata riconosciuta, perché gli strumenti di diagnosi sono ancora primitivi a causa del boicottaggio femminista che impedisce di far evolvere la ricerca in tal senso. e così molte donne che fanno il lavaggio del cervello ai figli per metterli contro i mariti la spuntano in tribunale

perdonami se non ti rispondo direttamente, ma tantissimi dei miei articoli affrontano proprio questo punto…flo

Ah, scusate, dimenticavo…ci sono anche le accuse contro i nuovi compagni delle ex. Spesso di molestie sessuali a carico dei figli.
Anche di queste nessuno fa menzione.
Anche se si tratta di stalking.

cara flo,
il titolo di questo tuo bellissimo articolo mi ha fatto prendere un colpo: ho pensato “flo si è impazzita!”…Credo che sia molto ambiguo e possa essere strumentalizzato da qualcuno: lì per lì sembra voler sostenere che siano “veri” i casi di “false denunce”, ed è terrificante.
Scusami se mi permetto ma penso sia più chiaro per esempio in questo modo:
LE “FALSE” DENUNCE DELLE DONNE…sono purtroppo ACCUSE VERE!”.
Ovviamente è solo un consiglio perchè tengo molto al tuo blog.
A presto (ps: se lo cambi non c’è bisogno di pubblicare questo mio post!). Grazie, ciao

grazie nadia….è un titolo fatto apposta…..così lo leggono anche gli altri…perché purtroppo l’accusa di false accuse è molto più radicata di quanto si pensi…grazie di cuore….flo

uno specchietto per le allodole: grande idea!!! non ci avevo pensato….Ciao!

FALSE ACCUSE DEGLI UOMINI CONTRO LE DONNE: negli atti dei processi ne esistono a bizzeffe. Solo che le donne non si sono ANCORA organizzate per denunciare queste SCHIFEZZE platealmente e con i megafoni, usando giornali, radio e televisioni, anche pubbliche. Perciò emerge SOLO quanto riportato da alcune associazioni MASCHILI.
E gli uomini stanno passando agli occhi dell’opinione pubblica come povere VITTIME.
Quello che accade nei tribunali però è altro.

In Spagna ogni giorno 350 uomini vengono arrestati sulla base di false accuse e zero prove, grazie alla legge che impone l’automatismo del carcere preventivo.
E’ la stessa cosa che aveva introdotto la Carfagna e che in Italia fortunatamente la Corte Costituzionale ha bloccato.
Un uomo su tre (30%!!!) in fase di separazione giudiziale viene accusato di molestie sui figli, tali accuse sono praticamente tutte false e strumentali.
La donna moderna è un essere ignobile. Avete trasformato il diritto in sopruso, ingannando tutti, soprattutto gli uomini.

ripeto, la donna si stupra da sola….si violenta da sola, si rovina il corpo sola soletta….queste non sono donne sono megere, streghe, mostri, che se ne vanno di casa con i figli per diletto, che vogliono rovinare dei poveri uomini innocenti, completamente innocenti, delicati, gentili e caritatevoli….eh si….devo riscrivere l’articolo….grazie dell’apertura mentale, mi serviva….Flo

la donna moderna è un essere “ignobile” perchè non accetta più di subire in silenzio, come hanno fatto sin qui le nostre mamme e le nostre nonne, ogni genere di sorprusi e prepotenze da parte di maschi violenti e prevaricatori.
Fortunatamente esistono anche UOMINI capaci di rispetto per le donne. E per i figli.
E fortunatamente non sono pochi.

@ Falso-di-natale
“gli strumenti di diagnosi sono ancora primitivi a causa del boicottaggio femminista che impedisce di far evolvere la ricerca in tal senso”
Azzz…. ma dove hai studiato, ad Harvard? Le femministe che hanno il potere di boicottare la ricerca! Cosa sniffi, colla? E’ per una ricerca che sto facendo, dal titolo: com’è che il maschio italiano è caduto così in basso?

interessante tale ricerca….aggiungerei poi di ricercare come si possa fare ad aiutare il maschio ed andarlo a salvare dalla fossa in cui è caduto…grazie dottore.

Le donne che pensano, che sono indipendenti, che hanno il coraggio di decidere, fanno paura…ecco uno dei motivi per cui gli uomini usano violenza: il giocattolo non ubbidisce ai comandi, non per sempre.
Sicuramente ci saranno anche donne che, per ineresse personale, denunciano il falso negli atti che riguardano la separazione..ma quante saranno???
E i segni lasciati addosso da pestaggi e violenze sessuali dovrebbero bastare a dimostrare la realtà. Se poi la donna ritratta dopo la prima denuncia, vuol dire che non si sente sufficientemente protetta. E’ qui che ci sarebbe da colmare dei vuoti, potenziando la tutela della donna, che si trova in uno stato di grossa precarietà psicologica, poichè teme gravi ripercussioni, violenza ancora più efferata e pericolosa da parte di chi s’è visto scoperto ed esposto ai provvedimenti giuridici.
Sono sinceramente spaventata da tutto ciò.
Grazie, Flo.

grazie a te…è importante informare bene…perché esistono forme di negazionismo subdolo che si appiglia ad alcuni casi e ne fa un vestito per nascondere gli orrori della violenza contro le donne…grazie….flo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

novembre: 2010
L M M G V S D
« Ott   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Categorie

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: